28 avr. 2015

L'OTTIMISMO DI OSCAR FARINETTI

"Ad Oscar Farinetti non interessano le gare pubbliche, sono una perdita di tempo. Se poi lo spazietto all'Expo glielo regala l'amico Renzi allora è ancora meglio. Farinetti è sempre lieto, ed anche orgoglioso, di partecipare da protagonista alla vita italiana. Farinetti è un ottimista, perché lui, Renzi e tutti gli altri compagnucci di merende, sono il futuro del nostro paese. Tutti gli altri, gufi e sfigati, vadano a dar via el cu! Intanto, migliaia di ossa stanche, seguite da migliaia di facce bianche, soccombono con sempre meno stile. Qualcuno prova all'estero ad esportar se stesso. Ma Farinetti ha studiato poesia da Tonino Guerra, e punta sull’incremento delle esportazioni di agroalimentare di qualità e sulla crescita del numero di turisti stranieri. Perché Farinetti sa che, per qualcuno, l'ottimismo è il profumo della vita (soprattutto la sua). Poi, sticazzi se per molti, l'ottimismo è la sòla della vita". (Italien néandertalien, 2015).


Aucun commentaire:

Enregistrer un commentaire