11 févr. 2016

La fantascienza è un documentario con scenografia kitsch

"Da giovane snobbavo la fantascienza, ritenendolo un genere minore d'evasione. Non avrei mai pensato di potermi innamorare della fantascienza, intesa come fedele documentario della vita di tutti i giorni. Togliete alla fantascienza le navicelle spaziali, ridicoli abiti luccicanti, ed ecco che resta l'amaro è vuoto realismo che ci siamo meritati: la dittatura del futuro pagata con comode rate fatte di coscienza e pezzetti di libertà". (M.Thompson Nati, Leadership for a sheep and others animals, 1996).

Aucun commentaire:

Enregistrer un commentaire